Ricettinaaaa: salty dog con cottura nel forno

Il metodo a caldo nel forno è il preferito di Marina per una ricetta classica (ma rognosa), quella dove si usa solo olio di cocco per saponi bianchi e tanto schiumosi da far la schiuma anche in acqua di mare.
Sebbene si possa preparare anche a freddo, il sapone di solo olio di cocco ha sempre la tendenza a surriscaldarsi e fuoriuscire dagli stampi. In questo senso, meglio tenerlo sotto controllo nel forno, a pentola scoperta e stando pronti a intervenire se dovesse minacciare l’effetto vulcano.
Come per tutti i saponi di solo olio di cocco, lo sconto della soda è molto più alto della media, intorno al 15% in questa ricetta ma si può salire fino al 20%.
La soluzione caustica è più acquosa del solito e ha qui una concentrazione del 24% circa, anche per ridurre i rischi di effetto-vulcano. Per la stessa ragione, potete scegliere di lavorare con temperature di miscela più basse del solito, e comunque inferiori ai 40ºC sia per il grasso, sia per la soluzione caustica.

Ingredienti
olio di cocco    2000 g

soda caustica (NaOH)    313 g
acqua    1000 g

Dopo la cottura:
olio essenziale di limone    20 ml
olio essenziale di rosmarino    12 ml
olio essenziale di lavanda    8 ml
olio essenziale di mirto    4 ml

Procedimento
1.    Preparate il piano di lavoro, le attrezzature di sicurezza, gli stampi e gli ingredienti.
2.    Accendete il forno e lasciatelo scaldare secondo le istruzioni contenute nel libro Sapone fatto in casa for Dummies.
3.    Preparate la soluzione caustica.
4.    Misurate l’olio di cocco nella pentola del sapone. Mettetelo in forno a scaldare.
5.    Quando olio di cocco e soluzione caustica sono pronti (40ºC o meno), versate la soluzione caustica nell’olio di cocco e mescolate.
6.    Mettete la pentola del sapone nel forno e lasciate cuocere, come spiegato nelle Istruzioni passo per passo contenute nel libro.
7.    A fine cottura, aggiungete gli oli essenziali.
8.    Trasferite negli stampi, proteggete la superficie del sapone secondo necessità e isolate gli stampi.
9.    Dopo 24 ore, sformate, tagliate se necessario e mettete a stagionare per almeno 8 settimane.

La riuscita di questa formula richiede lo studio preliminare dei fondamenti e delle tecniche di saponificazione. Non mettevi a provare se non avete alcuna esperienza perché rischiate di sprecare materiale o persino di farvi male. Saponai non ci si improvvisa con qualche consiglio preso sul web!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield