Salsa di albicocche fresche

Ecco una delle tante golosità sane, frugali, facili da preparare con la frutta di stagione. Ottima calda o fredda, la salsa di albicocche si serve da sola o come guarnizione di dolci al cucchiaio o semplici torte casalinghe. Provatela con la crema candida al posto delle albicocche sciroppate, con la panna cotta o con un budino in busta per un dessert leggero, “dietetico” e… buonissimo!

Qui descrivo la versione fatta con le albicocche fresche; ne preparo anche una di albicocche secche, ideale per guarnire dolci complessi e più ricchi come il Fox’s Lair Stack.

Entrambe le versioni sono adatte alla conservazione sotto vetro, che spiego in dettaglio nel libro.

Salsa di albicocche fresche Salsa di albicocche fresche Salsa di albicocche fresche

Ingredienti

  • polpa di albicocche fresche
  • zucchero
  • limone
  • zenzero, fresco o in polvere
  • cannella
  • cardamomo, in baccelli o in polvere

E le dosi?

Come in quasi tutte le mie ricette, le dosi non sono determinanti: nella salsa della foto, ho usato circa un chilo e mezzo di albicocche intere, che hanno dato 1,2 chili (milleduecento grammi) di polpa di albicocche, con 200 grammi di zucchero e un limone intero. Potete aumentare la dose dello zucchero se siete di bocca dolce, o usarne di meno se avete problemi di dieta.

Trucchi del mestiere

Se usate i baccelli di cardamomo interi, infilzateli con un ago infilato con del filo di cotone bianco e legateli a mo’ di collanina, per poterli ritrovare ed eliminare prima di invasare la salsa.

Procedimento

  1. Lavate, mondate, sgocciolate le albicocche e apritele per togliere il nocciolo.
  2. Raccogliete i pezzi di frutta in un tegame. Se volete pesare la polpa per regolarvi con lo zucchero, pesate prima il tegame a vuoto e togliete la tara dal peso totale.
  3. Aggiungete il succo e la scorza del limone, la cannella, il cardamomo e lo zucchero.
  4. Aggiungete lo zenzero; qui ho usato un cucchiaio dello zenzero fresco che conservo nel miele. Zenzero conservato nel miele
  5. Coprite e lasciate riposare per un’oretta.
  6. Mettete sul fuoco a fiamma bassa e portate a ebollizione.
  7. Abbassate la fiamma, scoperchiate e lasciate cuocere a fuoco lento e pentola scoperta, mescolando periodicamente.
  8. Come le dosi, anche i tempi di cottura non sono “fissi”: regolatevi in base alla consistenza e al vostro gusto.
  9. Quando la salsa è pronta, invasatela come descrivo nel libro e conservatela in luogo fresco e buio (ma non necessariamente in frigorifero – anche qui, fate riferimento al libro per dettagli).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield